Farro di Monteleone di Spoleto


Descrizione

La cultura del farro a Monteleone di Spoleto ha profonde radici sociali e religiose. Alla vigilia della festa di S. Nicola, il 5 dicembre, si pratica tradizionalmente un rituale insieme religioso e laico incentrato sul farro. La varietà locale coltivata da tempo immemorabile nel territorio ha caratteristiche molto particolari, tra cui la consistenza prevalentemente vitrea del seme, tanto che il prodotto risulta facilmente riconoscibile da altre varietà coltivate altrove. Non necessita di accumulo di freddo per andare in spigatura, quindi può essere seminata a fine inverno, caratteristica che ne consente l’adattamento ad ambienti montani.

N° iscrizione: 22

Inserita il: 15 dicembre 2014

Famiglia: Gramineae

Genere: Triticum L.

Specie: T. turgidum L. subsp. dicoccum Schubler

Nome comune della varietà: Farro di Monteleone di Spoleto 

Rischio di erosione: medio

Area tradizionale di diffusione: L’area di diffusione è tradizionalmente individuata nell’area montana (di altitudine maggiore o uguale a 700 m s.l.m) dell’area sud est della Provincia di Perugia e comprende: l’intero territorio dei comuni di Monteleone di Spoleto e Poggiodomo e parte del territorio amministrativo dei comuni di Cascia, S. Anatolia di Narco, Vallo di Nera e Scheggino, come dettagliato nel disciplinare del marchio DOP.



Luogo di conservazione ex situ: Banca del germoplasma regionale di semi di specie erbacee, S. Andrea D’Agliano (PG).



Allegato:

Scheda completa