Sedano Nero di Trevi


Descrizione

Allo stato attuale non si conosce quando questo ortaggio sia stato introdotto a Trevi, né da quando gli agricoltori locali abbiano cominciato a dedicargli particolari attenzioni tanto da portarlo allo stadio di prodotto di eccellenza.  Le prime notizie della coltura dei sedani in questi luoghi risalgono alla seconda metà dell’Ottocento. Gli agricoltori che attualmente coltivano il Sedano Nero di Trevi praticano una tecnica colturale che ricalca quasi completamente la tecnica tradizionale. 


N° iscrizione: 23

Inserita il: 15 dicembre 2014

Famiglia: Umbelliferae

Genere: Apium L.

Specie: A. graveolaens L. var. dulce

Nome comune della varietà: Sedano Nero di Trevi

Rischio di erosione: medio

Area tradizionale di diffusione: La coltivazione del Sedano Nero di Trevi avviene in una ristretta zona pianeggiante della Valle Umbra, tra Borgo Trevi e Santa Maria di Pietrarossa e tra la consolare Flaminia a est e il fiume Clitunno a ovest. Tale zona viene comunemente denominata “Canapine”, toponimo che molto probabilmente prende origine dall’antica coltivazione della canapa in questi luoghi.  



Luogo di conservazione ex situ:  Banca del germoplasma regionale di semi di specie erbacee, S. Andrea D’Agliano (PG).

 



Allegato:

Scheda completa